Gabbiani a Torino

A Torino non c’è il mare, questo si sa, ma i gabbiani sì. Piccola premessa prima di affrontare l’argomento: dietro la parola "gabbiano", l’ornitologo distingue ben 11 differenti specie!

A Torino sono stati osservati, tra le specie meno comuni: Zafferani, Gabbiani reali nordici, Mugnaiacci, Gabbianelli e anche Gabbiani pontici!

Certamente la presenza di tanti gabbiani è sì favorita dalla presenza del corso del fiume Po e dei suoi affluenti cittadini, ma i gabbiani frequentano la città molto facilmente perché trovano abbondante cibo nelle diverse discariche. E’ tuttavia vero che non tutti i gabbiani sono specie "spazzine" e la presenza di così numerose specie offre lo spazio per altri interrogativi: i gabbiani frequentano Torino perché si trova lungo una rotta migratoria che conduce dall’Europa settentrionale al Mediterraneo? Oppure è la catena alpina a costringere i gabbiani a fermarsi a Torino?

E’ interessante ricordare che, grazie all’inanellamento, sappiamo che anche i Gabbiani reali nati al mare (nello specifico a Bergeggi, Savona) vengono a svernare a Torino!

Gabbiano comune (Larus ridibundus)

Il gabbiano più comune a Torino, presente tutto l’anno con unica finestra libera tra giugno e luglio. Frequenta i fiumi dove forma stormi fino a alcune migliaia di individui. Nel gennaio 2005 sono stati contati 7228 individui che andavano a dormire a Gassino T.se. A sinistra osserviamo un individuo adulto in piumaggio invernale. Notare le zampe rosse, il becco con punta nera e l’accenno di macchia auricolare nera. Nel giovane noteremmo invece sia le zampe sia il becco giallastri.

Guarda anche l’articolo:
Gabbiani comuni a Torino


Gavina (Larus canus)

Gabbiano presente a Torino solo d’inverno, proviene dall’Europa del Nord. Notare le zampe grigie, la testa arrotondata e striata, il becco giallo-verdastro.


Gabbiano corallino (Larus melanocephalus)

Gabbiano tipico delle coste marine, a Torino solo di transito migratorio. Nella foto, scattata alla Colletta il 26 febbraio 2005, un individuo adulto. Si noti il cappuccio nero, il becco color corallo che dà il nome alla specie, le primarie bianche (e non nere).


Zafferano (Larus fuscus)

Gabbiano che nidifica sulle coste del nord Europa. A Torino svernante e migratore regolare, forse presente per un periodo piu’ lungo di quanto si pensi in quanto tende a inbrancarsi assieme ai gabbiani reali. Nella foto scattata a San Mauro il 17/6/2006, adulto di Zafferano della sottospecie intermedius, dal mantello grigio piombo, zampe e becco gialli. Notare le primarie nere.

Guarda anche l’articolo: 
Determinazione dell’eta’ dello Zafferano


Gabbiano reale mediterraneo (Larus michahellis)

Il gabbiano di grande taglia piu’ comune a Torino dove ha iniziato anche a nidificare. Presente con individui adulti anche d’estate, e’ molto piu’ comune d’inverno con diverse centinaia di individui. Nella foto, scattata a giugno, individuo adulto. Notare il mantello grigio, il becco e le zampe gialle.


Gabbiano reale del Caspio o pontico (Larus cachinnans)

Prima documentazione fotografica per il Piemonte di questa specie originaria delle steppe russe, dal Mar Nero al Mar Caspio. La foto è di Paolo Marotto scattata sul Po a Torino il 23 febbraio 2006. Si tratta di un individuo 1° inverno. Notare il becco nero, la testa piccola e il mantello definito "a 4 colori" (testa bianca contrastante con le striature scure del collo, parti inferiori bianche con ala scura). Notare anche le zampe rosee. Scapolari grigie con marcatura più scura piuttosto fine. La presenza di questa specie pare, ad osservatori attenti, essere diventata piu’ regolare di quanto si pensasse.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi