Sauze d’Oulx



Ambiente definito a bocage, tipico dell’area interessata

Il versante su cui poggia l’abitato di Sauze d’Oulx è costituito da una paleofrana, tuttora in movimento, con orientamento verso ovest e di moderata pendenza. La porzione di versante di nostro interesse è quella che si sviluppa tra la parte inferiore di Sauze d’Oulx, la località Jovenceaux, sino ad arrivare, nel fondovalle, alla Dora nel territorio di Oulx.

Si tratta di un habitat a bocage, ovverosia a mosaico di siepi, boschetti, alberi isolati alternati a prati e qualche coltivazione ad orto.


Verso il Gran Bosco di Salbertrand

Un ambiente piuttosto aperto, dunque, che confina, a nord con una fitta pineta a pino silvestre su substrato profondamente roccioso e poi prosegue nel Gran Bosco di Salbertrand.

La quota varia tra i 1.350 m ed i 1.050 m del fondovalle. E’ un versante caldo e soleggiato.
Esistono diverse vie di accesso all’area, con numerose stradine sterrate che la percorrono e che partono da Jonvenceaux, Oulx e Gad.

Segnalo, in particolare, quella che parte proprio dall’abitato di Jovenceaux, asfaltata per i primi 500 m, che prosegue poi come sterrata in quota. E’ una splendida balconata sull’intero versante.


Mappa dell’area
 

Nella figura a lato è visibile il punto di accesso con l’indicazione del primo tratto asfaltato al termine del quale vi è un piccolo parcheggio dove si può lasciare l’auto. La zona è proprio ai piedi della ex-pista di Free-Style, costruita al tempo delle Olimpiadi invernali 2006 ed ora in stato di abbandono; l’aspetto è pertanto un po’ desolante, ma si possono fare osservazioni interessanti.


Sullo sfondo la struttura in abbandono del Free-style Olimpico

Diciamo subito che l’area si caratterizza per essere sito di nidificazione di alcune coppie di
Tottaville (Lullula arborea). Si sentono cantare in primavera ed i richiami sono udibili per tutta la stagione estiva fino ad inizio autunno (Settembre compreso). La specie è facilmente osservabile e fotografabile, anche per via della sua abitudine a posarsi sui cavi aerei. Vi è una linea elettrica, a media tensione, sita proprio accanto al parcheggio citato in precedenza ove è consueto osservarvi le Tottaville posate soprattutto, in tarda estate, quando cominciano a formarsi i primi raggruppamenti post-riproduttivi.


Linea elettrica nei pressi del parcheggio

Poi vi sono altre specie caratteristiche delle aree aperte e calde: le Averle piccole (Lanius collurio),
Zigoli gialli (Emberiza citrinella), Stiaccini (Saxicola rubetra), ecc…

Nel Luglio 2011 sono state sentite anche Quaglie (Coturnix coturnix) in canto. E poi Prispoloni (Anthus trivialis), Verdoni (Carduelis chloris), Luì bianchi (Phylloscopus bonelli), Beccafico (Sylvia borin), Verzellini (Serinus serinus), Zigoli muciatti (Emberiza cia) ed altri ancora. Un gruppo di Cesene (Turdus pilaris) a fine Luglio.

Tra i rapaci una coppia di Gheppio (Falco tinnunculus) frequenta regolarmente l’area ed utilizza sovente come posatoi i pali in disuso della pista di Free-Style. Sono inoltre facilmente contattabili la Poiana (Buteo buteo), lo Sparviere (Accipiter nisus) ed il Biancone (Circaetus gallicus). Nell’inverno 2004-2005, Stefano Boccardi ha infine osservato in questa area un gruppo di Beccofrusoni (Bombycilla garrulus).

Tra i mammiferi invece è frequentemente avvistabile il capriolo spesso anche a breve distanza. Non mancano ovviamente le Volpi e le Lepri.

La zona è piuttosto tranquilla e poco frequentata. Purtroppo nell’Agosto 2012 lo spiazzo ai piedi
della pista di Free-Style è stato “valorizzato” tramite un estemporaneo campo di tiro a segno.
L’ovvia conseguenza è che nel Settembre 2012 le Tottaville non sono state più contattate.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.