Gabbiano roseo in Piemonte

Domenica 6 maggio 2007 è in programma l’escursione nelle risaie vercellesi del Corso di Birdwatching organizzato dalla sezione LIPU di Torino. Il maltempo dei giorni precedenti ci dà la speranza di vedere un buon numero di migratori e, magari, qualche specie interessante.

Giunti al parcheggio della Colombara, ci dividiamo in due gruppi a causa del buon numero di partecipanti: il gruppo “fortunato” comprende, oltre a me e gli altri corsisti, gli EBNini Dario, Giacomo e Alf, il quale, da buon birder, è già in zona da qualche ora e ci raggiunge dicendoci di aver visto 3 Avocette. Ci dirigiamo immediatamente nella zona dell’avvistamento ma senza trovarle, probabilmente disturbate dai lavori agricoli in corso.

Così, dopo una mezz’ora buona di osservazione (buon numero di limicoli) ci dirigiamo verso Castell’Apertole dove la nostra attenzione viene attirata da un gruppo folto di Mignattini piombati in volo circolare su una vasca; mentre li contiamo (ce ne sono ben 35 e alla fine della giornata ne conteremo ben 57!), Giacomo osserva 4 gabbiani in volo, a suo dire “strani”: le dimensioni sono da Gabbiano comune ma la testa sembra più allungata, quasi da Gabbiano reale. Guardiamo tutti col binocolo e si sente un “Non saranno mica…” mentre Dario col cannocchiale riesce ad osservare le parti inferiori rosate e il becco rosso scuro e conferma: “… GABBIANI ROSEI, tutti e 4 adulti”. Grandissimo entusiasmo per tutti sotto gli sguardi stupiti dei corsisti ai quali spieghiamo che questa è la prima osservazione assoluta per la nostra regione di questa specie. Gli uccelli si sono poi diretti a sud, senza fermarsi: purtroppo non abbiamo avuto il modo di fotografarli né di seguirli.

Il martedì successivo, 8 maggio, un altro esemplare, posato, viene osservato da Matteo Gagliardone nella zona di Trino (segnalazione alla Lista EBN Italia).

Descrizione

Il Gabbiano roseo (Larus genei) somiglia per dimensioni al Gabbiano comune (Larus ridibundus) ma presenta una corporatura più snella ed elegante, con collo allungato e testa più piccola, becco lungo e incurvato. In abito riproduttivo è ben visibile la colorazione rosa delle parti inferiori del corpo. In volo, le ali appaiono allungate e la coda leggermente arrotondata rispetto al Gabbiano comune.

Distribuzione

La distribuzione del Gabbiano roseo nel Mediterraneo

Il gabbiano roseo è distribuito nella zona mediterraneo-turanica. Dagli anni ’70 ha iniziato ad espandersi verso il Mediterraneo occidentale con alcune coppie nidificanti in Camargue e sulle coste italiane. Le popolazioni orientali sono migratrici e parzialmente sedentari e dispersive. Sverna in Nordafrica, Medio Oriente, fino all’India; è accidentale o irregolare in Europa centrale e settentrionale.

In Italia nidifica in Sardegna (la prima nidificazione per il nostro paese è del 1976), Sicilia, Emilia Romagna, Puglia; è migratrice e svernante regolare in Sicilia, Sardegna, coste tirreniche, Puglia e alto Adriatico.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi