Lo svernamento a Torino della Sgarza ciuffetto


La Sgarza ciuffetto in un disegno di P. Marotto

Nel corso dell’inverno 2003-2004, un individuo di  Sgarza ciuffetto (Ardeola ralloides) ha svernato nell’area della confluenza tra il Po e la Stura di Lanzo, a Torino (Piemonte).

Le segnalazioni invernali di questo ardeide in Italia sono piuttosto rare ed interessano poche regioni: Lombardia, Emilia-Romagna, Umbria, Lazio, Puglia e Sardegna (Brichetti et al. 1992) (EBN 2000-2003).

Anche per la vicina Francia esistono pochi singoli avvistamenti in periodo invernale, concentrati soprattutto nell’area mediterranea del paese (Chavigny  2003).

Il tratto di fiume frequentato dal soggetto svernante è caratterizzato da acque lente e piuttosto profonde, quindi neanche particolarmente attraenti per la specie.


L’esemplare di Torino (foto 01/11/2003 B. Caula)

Le sponde sono costituite da massicciate in cemento per circa il 50% dell’estensione e soltanto sulla riva sinistra esiste un tratto di canneto poco esteso in profondità di circa 300 mt di lunghezza.

L’individuo, un adulto inizialmente in abito invernale, non presentava nessuna menomazione ed era perfettamente in grado di nutrirsi e volare. Giunto negli ultimi giorni di ottobre è stato osservato fino al 21 aprile dell’anno successivo (oss. vari).

La sgarza ciuffetto è uno degli ardeidi  con minor diffusione ed abbondanza nella nostra penisola.

Nidifica localmente in aggregazione ad altri aironi e giunge in Piemonte dopo la metà di aprile per ripartirne generalmente entro la fine di settembre.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi